Come fare i capelli alle bambole Waldorf all’uncinetto

Ed eccoci arrivati al mio metodo preferito. Perchè?

Per vari motivi.

  • La testa – con tutte le sue cuciture – viene completamente coperta e non si vede più.
  • Se si usa la lana mohair apposita per le bambola, si ottengono dei bellissimi capelli da bebè e non è necessario appendere le ciocche una a una. Quindi è un metodo molto veloce.
  • Se non si usa lana mohair per bambole, ci si può sbizzarrire con le più disparate pettinature.
  • Si attaccano i capelli man mano, quindi si può continuamente “aggiustare il tiro” e non possono succedere guai ;).
  • Ne risulta una bambola con i capelli pettinabili!!

Ma di cosa sto parlando? Della cuffietta all’uncinetto! Be’, la cuffietta può anche essere fatta a ferri, ma io preferisco in questo caso l’uncinetto.

COME FARE LA CUFFIETTA

Innanzitutto bisogna fare una cuffietta all’uncinetto della larghezza giusta per la nostra bambola. A me piace usare un uncinetto numero 2,5-3 con lana mohair o un uncinetto numero 4 con lana standard.

  1. Si inizia con due catenelle; 8 maglie basse (mb) nella seconda catenella. – 8 maglie
  2. 2 mb in ogni mb fino a fine giro – 16 maglie
  3. *1 mb nella prima mb, 2 mb nella seconda mb*, ripetere da * a * fino a fine giro – 24 maglie
  4. *2 mb, 2 mb nella terza mb*, ripetere da * a * fino a fine giro – 32 maglie
  5. *3 mb, 2 mb nella quarta mb*, ripetere da * a * fino a fine giro – 36 maglie
  6. *4 mb, 2 mb nella quinta mb*, ripetere da * a * fino a fine giro
  7.  Continuare con questo schema fino ad avere un cerchio abbastanza grande ma che ancora si adagia alla testa come nella foto sottostante tratta dal tutorial di Bet:

Copyright of Beth

8. A questo punto continuare a mb fino ad avere una cuffietta della misura desiderata.

CUCIRE LA CUFFIETTA ALLA TESTA E FISSARE I CAPELLI

A questo punto si fissa la cuffietta alla testa con ago e filo resistente.Vedi a questo proposito la foto illustrativa di Beth:

Copyright of Beth

Se la cuffietta è di mohair basterà pettinarla ed è tutto fatto. Il risultato sarà come questo bellissimo bambino:

IMG_2184b

Se la cuffietta non è di mohair, vanno aggiunti i capelli con un uncinetto come fa vedere Beth nelle foto sottostanti:

Copyright of Beth

Copyright of Beth

Si può coprire tutta la cuffietta di capelli oppure solo i ciuffi necessari a legare una coda di cavallo o dei codini o delle trecce. Si adattano sia i capelli lunghi che quelli corti e i più disparati tipi di lana. Si ottengono così dei capelli resistenti con cui giocare e inventare tante pettinature! Qui alcuni esempi:

IMG_1865 bIMG_2423

cIMG_2445


 

MY FAVORITE METHOD FOR MAKING DOLL HAIR: THE CROCHETED CUP

And here we go with my favorite method! Why?

For several reasons.

  • The head – and all its seams – is totally covered.
  • You can do lots of different hair styles.
  • The hair are attached on the go, so it is possible to adjust the work any time and no dramas can happen ;).
  • At the end it is possible to play with the doll hair and style them as you like.

But what am I talking about? I am speaking about the crocheted cup!! Ok, it is possible to knit the cup too, but I can’t do it very well…

HOW TO DO

A good tutorial in English can be found here so no need for me to write one more.

Annunci

Lista dei migliori tutorials e cartamodelli gratuiti per bambole di stoffa in stile Waldorf

Ci sono tanti metodi per creare le bambole di stile Waldorf e io, da brava curiosa, ne ho provati diversi. Fatto è che quando si ha un po’ di esperienza si possono ottenere ottimi risultati anche partendo da un cartamodello semplice. Molto dipende dalle proprie preferenze. Qui vorrei riportare i cartamodelli  e i tutorials che ho trovato più utili. Cliccate sulle immagini per aprire i tutorials; credo che nessuno sia in italiano ma le immagini sono chiarissime:

Jahneke

The silver penny

Katja Magus on Living Crafts

Moonchild Dolls

Regan’s Ramblings

DoingWithout

Simmy

Tilly Tilda

Beth

WaldorfStep1

Crystal Clark

Sami Dolls

Bamboletta

Come fare i polsi.

Penny Nyberg: tutto il suo canale Youtube

Pflanzenfärberin

Genuine Dolls

Tata

La casa nella prateria (in italiano)

 

Spero vi possa essere utile!!

 

 

Come fare una confezione regalo di stoffa riutilizzabile – Borsetta regalo di lusso n. 2

Ho trovato le istruzioni per fare un’altra bellissima borsetta di stoffa che si adatta perfettamente ad essere usata come confezione regalo.

Dato che non so se l’immagine rimarrà pubblicata a lungo nel sito in cui l’ho trovata (l’esperienza insegna!), ri-posto direttamente le istruzione qui anche se la pagina risulterà un pò pesante.

borsetta

I capelli delle bambole Waldorf – parte 2

<– Parte prima / First Part

1. Lana su carta / Wool on paper

Una variante del metodo illustrato consiste nel cucire i capelli prima di fissarli alla testa, come spiega bene il tutorial di Crafty Sheep

A variation of the previous method consists of sewing the hair before fixing it on the head, as explained in the tutorial of Crafty Sheep

Copyright of Crafty Sheep

Questa tecnica permette di rendere i capelli più stabili, cioè di ridurre il rischio che si stacchino, se ci si gioca. D’altro lato, però, rimangono spesso pezzettini di carta difficili da togliere. O almeno io non ho ancora trovato la carta giusta che si stacca senza problemi!

With this method the hair is steadier and doesn’t get off so easily by playing. On the other side I can’t get rid of all the paper or, at least, I couldn’t find the right kind of paper for that!

Un altro tutorial molto bello è offerto da Michelle.

One more very useful tutorial is offered by Michelle.

2. Lana su stoffa / Wool on fabric

Un altro tutorial molto chiaro, pur essendo in polacco, è pubblicato nel sito Blog Kreatywny. Qui l’autrice usa un pezzetto di stoffa al posto della carta che si può usare anche per fissare i capelli alla testa.

One more tutorial about this technic is published on Blog Kreatywny and it is very clear, even if you do not speak Polish. The author uses a small piece of fabric instead of paper. The fabric can be also used to fix the hair on the head.

Copyright of Blog Kreatywny

3. Solo Lana  / Only Yarn

In un’altra variante di questa tecnica i capelli vengono cuciti senza l’ausilio di altri materiali, quindi senza carta nè stoffa. Personalmente trovo questo sistema piuttosto complicato perchè non è facile cucire la lana in modo omogeneo se non si utilizza un supporto. Qui potete vedere un bel tutorial, diviso in tre parti e farvi un’idea.

In this case the yarn is sewn without paper or fabrics. This method is nice because you do not have to pool out the paper after sewing, which can be really annoying. On the other side it is not easy to sew the yarn evenly just like this.

I capelli delle bambole Waldorf / Waldorf dolls yarn hair

Eh sì, per realizzare una bella bambola bisogna improvvisarsi anche parrucchieri  … e parruccai! Con la lana infatti si possono creare delle vere mini parrucche per la nostra bambola. Ma come?? Anche in questo caso, ce n’è davvero per tutti i gusti. I metodi tra cui si può scegliere sono davvero tanti e di seguito vi faccio vedere un metodo molto molto semplice.

In order to realize a nice doll we have to be hair dresser and wig maker too! We can create real mini wigs from wool for our doll. We can choose among lots of different methods and I want to show you hier a very easy method. 


Il metodo più semplice in assoluto consiste nel cucire il filo di lana direttamente sulla testa della bambola. La foto sottostante è tratta dall’utilissimo tutorial di BeccaMarie Designs a cui vi rimando. I capelli vanno cuciti innanzitutto lungo la riga centrale e fissati, poi, con alcuni punti di cucito in varie parti della testa, per evitare l’effetto “pelata nascosta” quando si alzano i capelli.

The easiest method is to sew the wool yarn directly on the doll head. The picture below is taken from the very useful tutorial by BeccaMarie Designs where you can find all the steps. The yarn is sewn on the center of the head and fixed with further stitches where necessary in order to avoid the “hidden bald head effect” when you lift the hair.

Metodo semplice
Copyright by beccamariedesigns

A questo proposito ho trovato utilissimo il video pubblicato dai produttori di Bamboletta in cui viene suggerito di cucire la lana in tre fasi successive in modo da avere la testa completamente coperta di capelli ma, allo stesso tempo, di poter realizzare sulla nostra bambola delle pettinature diverse.

About that, I found a great tutorial by Bamboletta that suggests to sew the hair in 3 steps. In this way, you can cover the head and leave the hair suitable for playing, at the same time.

 

Parte seconda / Second Part —->

Bambola Bunka: cos’è e come farla

Eccomi qui dopo un pò di silenzio per presentarvi una nuova bambola da cucire.

Navigando nel web, come è mio solito, ho scoperto le bambole giapponesi dette Bunka.

Le bambole Bunka presero piede in Giappone tra il 1912 e il 1937. Confezionate di sola stoffa, presentavano di solito abiti di stile occidentale, più raramente combinavano elementi tradizionali a elementi occidentali. Recentemente sono tornate in voga e si trovano vari siti a riguardo (vedi fonte) .

Tutorial no. 1

Ho trovato un bel tutorial della bravissima One Red Rubin per confezionare le bambole Bunka e ho intenzione di provarlo al più presto.

All rights of One Red Rubin.

Mi piace molto il modo in cui ha disegnato il viso ma penso che io lo ricamerò per il disegno e la pittura su stoffa proprio non mi riescono!

Quello che non mi piace molto è il modo di costruire la testa, che inesorabilmente porta allacreazione di pieghe e arricciature. Dato che la testa dellebamboleBunkaètipicamentetridimensionale, non vorreiusareuno schema a due pezzi, come è per esempionellebambole di Black Apple. Penso si potrebbe costruire la testa a 3 o quattro pezzi, a seconda se si voglia evitare o meno a cucitura a centro faccia.

Mi riservo di testare il tutto tra qualche giorno perchè attualmente sto terminando una bellissima Cappuccetto Rosso (munita addirittura di cestino) per un’amica.

Tutorial no. 2

Ho trovato poi un secondo tutorial, probabilmente più fedele al procedimento di realizzazione “extra-europeo”, un pò meno facile ma moooolto bello. Eccolo qui, si tratta di molte parti e il tutto è davvero dettagliato. Vale la pena prendersi il tempo per osservare le tecniche usate.

Per la lista degli altri cartamodelli e tutorials relativi alle bambole di stoffa, clicca qui.

Il miglior cartamodello per i pannolini lavabili

Dopo aver deciso di provare a sostituire ogni giorno 1-2 pannolini usa e getta con altrettanti lavabili, mi sono messa a cercare in rete per capire come sono fatti i pannolini lavabili e come si possono fare.

Ce ne sono di vari tipi, però non differiscono molto l’uno dall’altro. Io ho scelto il pannolino Pocket cioé con una tasca interna in cui mettere un inserto assorbente. In questo modo il pannolino in sè è sottile, quindi di facile asciugatura.

Cartamodello per pannolino pocket (ma anche AIO e AI2)

Il cartamodello che preferisco è quello di Cloth Revolution che ho trovato su Tutu Mafia.

 

Il tutorial non mi piace moltissimo perchè le foto sono piccole e non si vede niente però il cartamodello è ottimo!

Tessuti da utilizzare

La miniguida di Nonsolociripà spiega in modo molto semplice e chiaro quali tessuti si possono utilizzare.

Io ho utilizzato i seguenti tessuti:

Esterno: jersey di cotone

In mezzo: PUL

Interno: velour di cotone

Inserto assorbente: mussolina di cotone

Non ci crederete, ma avevo tutto in casa!

Come ho ricavato i tessuti da indumenti smessi:

In rete si possono acquistare tanti tipi di tessuti adatti.Ma per iniziare ho preferito cercare nell’armadio, anche perchè riciclare è ormai parola d’ordine per me. Ecco allora che cosa ho usato:

Jersey di cotone: una maglietta di cotone con il colletto consumato .. che papà non mette più;

PUL: pantaloni antipioggia leggeri della sorellona, ormai troppo piccoli e strappati a un ginocchio;

Velour di cotone: maglietta di un pigiamino smesso, sempre della sorellona.

Le uniche cose nuove che ho aggiunto sono state il velcro e gli elastici!!!!

Ed ecco il mio primo risultato:

Pannolino lavabile

Funziona benissimo!!! Inoltre, cosa da non trascurare, è sottilissimo: niente culettone, è poco più ciccino dell’usa e getta!

Lo so, devo migliorare la qualità del bordo, ma, per tradurre un proverbio tedesco, “l’esercizio rende maestri!.

Grazie ad Antonella, per l’ispirazione e la consulenza.

 

 

Come fare una confezione regalo di stoffa riutilizzabile – Borsetta regalo di lusso n. 1

Ieri abbiamo visto come fare una borsetta semplice, oggi vi propongo una borsetta di gran lusso, reversibile e con fondo rettangolare.

Richiede un pò più di tempo ma non è molto più difficile dell’altra. Io trovo un pò complicato cucire i triangoli del fondo, i quali peró danno molta stabilità al fondo stesso, quasi avesse dentro un sostegno. Importante è, anche in questo caso, il ferro da stiro! che aiuta moltissimo per ottenere un risultato preciso e professionale.

Il video tutorial è in inglese ma chiarissimo.

 

Come fare una confezione regalo di stoffa riutilizzabile – Borsetta regalo

Dopo aver accennato al Furoshiki, vediamo come si può creare una confezione regalo cucendo una semplicissima borsetta. Il senso è che la borsetta venga riutilizzata da chi la riceve che a sua volta la userà per “impacchettare” un regalo e così via, in modo da ammortizzare energie e materie prime per la sua produzione e risparmiare mooooolta carta.

La borsetta è molto semplice e può essere cucita anche da chi non ha esperienza. Il video tutorial è in inglese ma chiarissimo. Mi piace molto come l’autrice applica i manici.

Vedi come fare una borsetta reversibile, facile ma di lusso.